I dolci da mangiare durante la dieta

Mettersi a dieta e imporsi di non assaggiare più alcun tipo di dolce può rivelarsi controproducente, soprattutto se la cucina è la vostra passione. È chiaro che il dolce andrà (purtroppo) evitato, ma alcune volte gli strappi alla regola diventano necessari; questi infatti vi consentono di non acuire oltre un certo limite il desiderio del cosiddetto cibo proibito e vi trattengono dall’accantonare del tutto la dieta o dallo strafare in determinate occasioni. Privarsi controvoglia di qualcosa per lunghi periodi genera poi un senso di rabbia e frustrazione che si potrà rivelare nocivo più dei chili in eccesso.

Soprattutto nel caso delle donne la dieta contempla spesso una porzione di dolce almeno una volta alla settimana; e allora perché non concedersela? Ovviamente questo piccolo strappo alla regole deve rimanere entro certi limiti; sarà consentita una fetta di torta, non il bis o addirittura il tris, un pasticcino, non un vassoio di bignè ecc. Bisogna poi, secondo quanto recita un vecchio adagio popolare, dare un colpo al cerchio e uno alla botte, ossia aiutare la mente a sopportare una dieta concedendosi un dolce magari una volta a settimana, ma non rovinare i risultati fin qui ottenuti prediligendo dolci di qualità e preparati secondo determinati criteri. È consigliabile preparare da sé i dolci da consumare in modo da tenere sotto controllo tutti i potenziali pericoli per la linea che l’ingresso in pasticceria comporta.

Per chi segue una dieta ipocalorica sono particolarmente indicati quei dolciumi preparati con lo yogurt, preferibilmente magro, con la frutta o unendo i due alimenti. Vi potrete perciò orientare su una mousse allo yogurt a cui aggiungerete dei cubetti di frutta, una torta alle mele, et similia. Eviterete invece creme pasticcere, panna montata, e dolci la cui preparazione richiede la combinazione di uova, panna e latte. Magari i vostri dolci preferiti sono proprio quelli più deleteri per la linea, ma tra un dolce allo yogurt e niente, forse è meglio iniziare ad adattarsi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *